Il quarto anno delle superiori all’estero è un’esperienza incredibile che permette ad un adolescente di 17 anni di confrontarsi con un’altra cultura ed imparare una nuova lingua. Se da una parte è uno shock culturale fortissimo, dall’altra tornare da questa avventura fornirà a tuo figlio una marcia in più rispetto ai suoi coetanei.

Secondo la legge italiana è possibile fare solo il quarto anno di scuola superiore all’estero e anche se nell’altro paese riceverai una sorta di diploma per essere ufficialmente diplomato dovrai tornare in Italia e affrontare sia il quinto anno che l’esame di maturità.

Di norma la soluzione migliore è affidarsi ad un’associazione, ce ne sono molte e alcune offrono anche delle borse di studio. In questo modo ti supporteranno sia nella ricerca della famiglia ospitante sia nelle pratiche relative al visto. Le associazioni inoltre hanno sempre nei coordinatori in loco che potranno aiutarti nei momenti di difficoltà.


SOMMARIO

1.    Come prepararsi per fare l’anno all’estero?

2.    Quali sono le associazioni più importanti nel settore?

3.    Qualche consiglio finale



1.    COME PREPARARSI PER FARE IL QUARTO ANNO ALL’ESTERO?

Per uno studente è una decisione che viene spesso meditata per lungo tempo, sicuramente conviene iniziare a pensarci già dall’estate tra il secondo e il terzo anno di scuola superiore.

Una volta presa la scelta è il momento di iniziare a parlarne con i professori. In genere il genitore inizia ad affrontare l’argomento durante il colloquio con il coordinatore dei professori in modo da iniziare a tastare il terreno.

Fare il quarto anno all’estero coinvolge molte persone all’interno dell’ambito scolastico e riuscire ad avere il benestare della maggior parte di questi può renderti tutto molto più facile!


Iniziamo ad affrontare le domande che potresti avere:


Possono partire solo le persone che fanno il liceo?

Assolutamente no, la scuola superiore di provenienza non è importante quando si fa domanda alle associazioni per partecipare. È importante informarsi sui programmi che si faranno durante il quarto anno nella tua scuola di partenza. All’estero le materie hanno spesso nomi diversi e per tornare preparato dovrai fare le scelte giuste. Infatti, tutte le scuole richiedono un esame a settembre durante il quale lo studente dovrà dimostrare di essere al passo con gli altri suoi compagni di classe.


Quali sono i paesi consigliati?

Non esistono delle nazioni consigliate, però quando si sceglie il paese dove passare un anno della propria vita è essenziale capire le motivazioni alla base. Se vuoi imparare bene una lingua, conviene andare in un paese in cui la si parla correntemente.

Sia per l’immaginario collettivo che suscita, sia perché in generale l’inglese è la lingua più universale che ci sia, gli Stati Uniti sono il paese più richiesto dagli Exchange Student. Molto ricercati per le stesse motivazioni sono il Canada e l’Australia.

La Gran Bretagna non riceve quasi mai studenti in interscambio, perché il loro sistema liceale è diverso dal nostro e perché in generale le famiglie preferiscono ospitare gli studenti durante l’estate.

Allo stesso tempo ci sono persone interessate soprattutto all’esperienza in sé e decidono quindi di andare in altri paesi come Brasile, India o Giappone perché affascinati dalla cultura di queste nazioni.  

La maggior parte delle associazioni ti permettono di scegliere o almeno di esprimere una forte preferenza per un paese, in alcuni casi però per motivi di natura logistica ti potrebbero abbinare ad una nazione che non avevi minimamente considerato. Se succede, dovrai capire se vuoi viverti o meno l’esperienza nonostante tu non possa andare nel paese dei tuoi sogni. 


I professori di mio figlio sono contrari cosa posso fare?

Questo è un tema molto delicato, purtroppo non sempre tutti i docenti riescono a comprendere quanto sia formativo sia a livello personale che scolastico e potrebbero crearti delle difficoltà in particolare sulle modalità di rientro. La mediazione attraverso il coordinatore e il preside è la strada migliore in questi casi.

Se nonostante tutta la buona volontà ciò non fosse possibile, cambiare istituto scolastico durante il terzo anno potrebbe essere una soluzione estrema, ma efficace.


Quanto costa fare il quarto anno all’estero?

Il costo per fare il quarto anno all’estero è molto variabile, innanzitutto le famiglie di norma non ricevono un pagamento da parte delle associazioni. Le famiglie ospitanti ti accolgono sotto il loro tetto perché vogliono ospitarti e vivere anche loro un’esperienza!

Inoltre, molte associazioni hanno dei prezzi che variano a seconda della fascia di contribuzione e offrono moltissime borse di studio. Per questo motivo non deve essere considerata come una possibilità solo per chi è particolarmente benestante.

I costi vivi che la famiglia deve sostenere sono:

o    le spese di agenzia (variabili a seconda dell’associazione scelta);

o    il volo aereo di andata e ritorno;

o    un’assicurazione sanitaria;

o    un minimo di denaro per permettere al figlio di uscire con i suoi coetanei e di comprarsi i beni di prima necessità, come i vestiti nel caso in cui il clima sia molto diverso;

o    eventuali viaggi organizzati dall’associazione per far scoprire all’Exchange Student il paese.


Cosa succede se non mi trovo bene con la famiglia ospitante?

Questo è in genere il grande timore di quando si parte per uno scambio culturale di un anno. Nella maggior parte dei casi la famiglia rimarrà la stessa per tutto l’anno e se non c’è feeling questo potrebbe creare dei grossi problemi per lo studente. Il consiglio è di sopportare un minimo e capire se sia possibile in qualche modo creare un rapporto positivo e costruttivo da entrambe le parti. Se ciò non fosse possibile rivolgiti alla coordinatrice, in modo che possa attivarsi per cercare un’altra famiglia. In alcuni casi gli studenti fanno amicizia con dei loro coetanei nella scuola e riescono a trovare direttamente loro una nuova famiglia con cui vivere nei restanti mesi. In generale se è necessario farlo, il cambio si può fare intorno a Natale.


Posso partire anche se ho avuto debiti durante il primo e il secondo anno?

Certo! Quando presenti la tua candidatura di norma si richiede la pagella del secondo anno e quella relativa al primo semestre del terzo anno. Un piccolo debito durante il secondo anno se recuperato bene non si noterà neanche, per quanto riguarda il terzo anno sarebbe meglio non avere debiti in entrambi i semestri. Durante il primo semestre perché in alcuni casi le associazioni fanno una selezione e potrebbe essere un punto a tuo sfavore. A fine anno significherebbe partire in ritardo, dato che dovresti affrontare gli esami di recupero a settembre.


Siete in cerca di un tutor che possa aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi scolastici?
Mandateci una richiesta! Vi ricontatteremo entro breve per farvi conoscere il nostro servizio! 👩‍🏫


2.    QUALI SONO LE ASSOCIAZIONI PIU’ IMPORTANTI NEL SETTORE


Rotary Youth Exchange

In molti conosco il Rotary per le attività di service e filantropia, ma in pochi sanno che probabilmente ha il miglior programma per gli scambi in circolazione.

I costi che deve sostenere la famiglia di origine sono tra i più bassi, infatti, il programma si basa tutto sui volontari che supportano il progetto perché credono fortemente nell’esperienza dell’Exchange.

Per questo motivo è una delle realtà più richieste e se volessi partire con loro dovresti muoverti con largo anticipo.

La peculiarità di questo programma riguarda sia lo studente che la famiglia di partenza. Lo studente in scambio dovrà cambiare 3 famiglie in modo da sperimentare 3 sfaccettature diverse della stessa cultura. La famiglia in Italia allo stesso modo dovrà ospitare una persona e trovare altre 2 famiglie ospitanti nella zona.


Intercultura

Intercultura è probabilmente l’associazione più conosciuta in Italia per fare il quarto anno all’estero. Il costo varia a seconda della fascia di reddito e offrono molte borse di studio. Puntano moltissimo sul valore aggiunto dell’esperienza e hanno una storia molto importante alle spalle.

Se volessi andare assolutamente negli Stati Uniti, potrebbe non essere l’associazione migliore per te. Infatti, ai futuri Exchange Student viene chiesto di compilare un lungo elenco di paesi in cui si vorrebbe andare. Essendo la richiesta molto alta potresti non essere abbinato alle tue prime scelte.


WEP

WEP è una realtà in forte crescita anche in Italia. I prezzi sono nella media e offrono numerose borse di studio.

I feedback ricevuti sono in generale piuttosto positivi per quanto riguarda il personale in Italia, un po’ meno per i coordinatori all’estero che spesso devono gestire aree molto ampie. 


EF

EF è una associazione molto importante a livello globale ed è famosa soprattutto per le vacanze studio estive all’estero. Sono degli esperti nel settore e sono una delle poche realtà in grado di farti fare l’anno in Inghilterra o in Irlanda. Offrendo questo tipo di servizi risultano piuttosto cari rispetto alla media.


3.    QUALCHE CONSIGLIO FINALE


Ricorda a tuo figlio che lo shock culturale è sempre molto forte. Ogni paese ha una sua cultura che è difficile comprendere finché non la vivi in prima persona. Se non si ha un minimo di conoscenza della lingua lo shock non può che aumentare. Quindi prima di partire cercate di informarvi, se andrà negli Stati Uniti o in un altro paese anglofono, avrà già un minimo di preparazione grazie agli anni di studio. Se invece partirà per esempio per Giappone, Norvegia o per un altro paese di cui non conosce la lingua gli consiglio di iniziare a studiarla prima della partenza.

In molti pensano che una volta arrivati la lingua straniera si apprenda in qualche modo tramite osmosi. Il processo di apprendimento è molto più complicato di così!

Dovrà impegnarsi e studiare la lingua:il vantaggio di questa esperienza è che sarà assolutamente stimolato per farlo!


Ricordagli di fare le certificazioni di lingua una volta tornato!
Probabilmente non raggiungerà più un livello così alto, deve approfittarne perché potrà essergli utile per l’Università.



CONCLUSIONE


Il quarto anno all’estero è un’esperienza meravigliosa, ma è importante partire preparati per affrontarla al meglio. Se avessi bisogno di un tutor per colmare le lacune o migliorare nella lingua del paese con un po di conversazione, rivolgiti a Tutornow! Con i nostri 1.000 tutor sapremo aiutarvi ad iniziare questa esperienza al meglio! 💪


Mandaci subito una richiesta per capire come iniziare!

Greta De Stradis